Auguri da Ellen per la Festa della Donna

Mazzolino di mimose e erbe

Sono passati 71 anni da quando nel 1946 fu eletta la Mimosa come fiore simbolo della giornata dedicata alla donna. La scelta è stata dettata dalla stagione, a marzo la mimosa è solita fiorire nelle campagne, in più essendo una fioritura spontanea è anche abbastanza economico e alla portata di tutti.
Un fiore solo apparentemente fragile, ma capace di sopravvivere e fiorire sopportando anche temperature e condizioni meteorologiche difficili.
La Mimosa è il fiore che rappresenta a pieno la donna ed esprime anche la nostra filosofia Green & Glam: parità, uguaglianza, rispetto, amicizia, solidarietà, affetto…

Per la Festa della Donna il nostro esperto flower Gabriele, ha realizzato un’originale composizione.
Oltre alla mimosa abbiamo pensato di arricchire il nostro “mazzolino” con erbe mediche/officinali come menta, iperico, ginestra, camomilla, edera, eucalipto; simboli di cura, dedizione e protezione.

L’amore che dispensano le donne è l’unica vera “medicina della vita”.

Torte di fiori

Nell’angolo di Valeria, ci prepariamo per la festa della donna realizzando delle romantiche torte fiorite.
Ormai si sa Green & Glam ama i fiori in “scatola”.
Le scatole tonde sono perfette per realizzare “torte fiorite” da utilizzare come centrotavola per un compleanno o una festa in genere.
Noi vogliamo regalare a tutte le Donne, una “torta” fatta con il cuore e i nostri amatissimi fiori.
L’appuntamento è per domani 8 marzo FESTA DELLA DONNA, Ellen ci ragiungerà per regalare a tutte le donne un messaggio… non mancherà un dono fiorito!

A domani in diretta su facebook

Ricetta Green per la Festa della Donna

Uovo bio, fonduta di “Selva Cremasco Dop”, carciofi, e patata viola

Ingredienti per 4 persone

  • 300 gr. di selva cremasco
  • 400gr. di panna
  • n°4 carciofi
  • n° 4 uova bio
  • 4 fette pan brioche
  • 200 gr patate viola

Preparazione

Le uova bio in acqua acidulata per 5 minuti.
Bollire la panna, unire il selva cremasco e centrifugare con il minipimer.
Pelare le patate, cuocerle in acqua, passare al setaccio e stender la purea su un foglio di carta, lasciare essiccare in un posto caldo per un’intera notte. Pulire i carciofi, bollirli in acqua e sale e nel frattempo tostare il pan brioche in padella a fuoco basso.
Versare la fonduta nel piatto, il pan brioche, il carciofo, adagiarvi l’uovo e i veli di patata viola.