Latte d’asina

Latte d’asina

Immagina… vivi la Natura

Dal Trentino un benessere naturale. Agrilife è un’azienda agricola di Moira Donati immersa nella splendida cornice della Val Lomasona, nel comune di Comano Terme.

Agrilife e il loro latte d’asina

Il latte d’asina è l’alimento naturale di origine animale con le caratteristiche più vicine al latte materno. Tra gli elementi più importanti oltre al profilo proteico, si evidenziano le proprietà curative legate all’alto contenuto del Lisozima, degli acidi grassi della serie Omega-3 e Omega-6 e del Lattosio.

Se vuoi saperne di più visita il visto web

Scopri il mondo Agrilife

 

 

In inverno, bere tanta acqua!

In inverno, bere tanta acqua!

Le giornate si accorciano, la temperatura si abbassa…  insomma, sta proprio arrivando l’inverno! Anche se questa è la stagione in cui mi pesa di più fare tutto, per ironia della sorte è da sempre il periodo dell’anno in cui lavoro di più.
In generale, d’inverno vivo di più la casa, e mi fa piacere renderla più calda e accogliente con candele e composizioni floreali che realizzo personalmente e che mi danno molta gioia.

Una tuta, un maglione, il mio amato bassotto Cooky e sono in pace con il mondo. Cooky è il primo a mettersi sul divano quando ci accoccoliamo sotto un plaid a guardare un film. L’inverno mi piace anche perché è un periodo pieno di feste: Natale, Capodanno, San Valentino… Tutti momenti che mi offrono il pretesto per creare qualcosa di intonato all’occasione.
Non ci crederete ma l’inverno è il momento dell’anno in cui bevo molto di più: il riscaldamento disidrata la mia pelle e le mucose, e l’acqua diventa un alimento prezioso per il mio benessere.

In inverno non abbiamo un grande stimolo a bere tanta acqua e molto spesso dimentichiamo il litro e mezzo di acqua consigliato dai medici e nutrizionisti.
Io proprio per ricordarmi di farlo anche quando non ne sento l’esigenza, ho preso l’abitudine di tenere bottigliette d’acqua in diversi punti della casa, sul tavolino vicino al divano, in cucina, in camera da letto…

 

Ogni acqua ha le sue proprietà; io per il mio benessere ho scelto l’acqua Recoaro, leggera e con un basso contenuto di sodio.  D’estate è rinfrescante, ma appunto anche d’inverno averla sempre a portata di mano è una garanzia.

Volete un consiglio? La mattina un bicchiere di Acqua Recoaro con limone e zenzero è un vero toccasana che ci da la giusta carica  e aiuta in modo naturale il nostro apparato intestinale.

Acqua Recoaro, “capolavoro di natura”!

 

Labbra Green and Glam

Labbra Green and Glam

Labbra Green and Glam

Grazie al mio lavoro ho imparato alcuni segreti per valorizzare il viso,
Oggi voglio parlarvi delle labbra che, oltre ad essere una delle armi più sensuali che abbiamo a disposizione, se ben disegnate, sono una bellissima cornice per il nostro sorriso.
Le labbra sono un punto visivo importante dopo gli occhi e ci fanno capire la personalità di chi le sfoggia.
Per me il colore di un rossetto si indossa esattamente come un bel vestito

La tendenza attuale è: labbra accese, perciò devono “vedersi” per cambiare l’effetto del viso pallido invernale.
Via libera, quindi, a tinte piene e intense, come rosso e fucsia.
Un trucco labbra forte basta da solo per riempire il viso.

Prima di tutto dobbiamo identificare il tipo di labbra che abbiamo: sottile o carnoso, così da scegliere il colore e la linea più adatta.

Prima di cominciare dobbiamo preparare l’occorrente ovvero matita, pennello, rossetto o in alternativa lucidalabbra. La matita deve avere lo stesso colore del rossetto, né più chiaro né più scuro. La matita è poi fondamentale per disegnare bene le labbra e ottenere un ottimo risultato.
Il tutto rigorosamente bio mentre il pennello vegan ed eco -friendly.

Io per esempio uso matite e rossetti che contengono oli nutrienti come l’olio di Jojoba, di Ricino e di Albicocca, burro di Karité … i miei pennelli invece sono realizzati con fibre vegetali.
Di rossetti ne esistono per le diverse necessità : morbidi e cremosi per chi soffre il freddo o si mordicchia le labbra, opachi, quindi mat, per una riunione o per stare in ufficio.

Se si hanno labbra sottili, dobbiamo cercare di renderle più carnose grazie al trucco, ed è qui che avranno un ruolo fondamentale i colori chiari che, riflettendo la luce, creano un effetto volumizzante. Oppure usate gloss madreperlati o brillanti: l’effetto volume è assicurato.
Da non usare assolutamente i colori scuri poiché farebbero sembrare le labbra ancora più sottili.
Un trucco che uso spesso per far sembrare più grande la bocca
è quello di applicare un po’ di correttore sulle labbra, così da mimetizzarne i contorni, mettere un tocco di cipria per far durare di più il rossetto, e poi disegnare il contorno con la matita rimanendo un millimetro all’esterno delle labbra.
Funziona davvero !

Se invece, avete già delle labbra carnose, potrete spaziare più liberamente, avendo però cura di non esagerare.

Il rossetto biologico potrebbe essere anche un ottimo regalo di Natale!
Fidatevi, sarà apprezzatissimo !

Maschera di bellezza alla zucca

Maschera di bellezza alla zucca

Oltre che per il corpo, la zucca contiene sostanze capaci di nutrire anche la nostra pelle. È importante che ogni tanto ci prendiamo un po’ di tempo per noi, tra un impegno di lavoro e uno di famiglia! Dobbiamo volerci bene, imporci uno stop per rilassare la mente e dedicare qualche premura al corpo. Per esempio, stendere una maschera nutriente sul viso per mantenere l’aspetto elastico e morbido e ridurre le rughe d’espressione

Ingredienti per una maschera di bellezza alla zucca

  • 2 bicchieri di zucca frullata
  • 1/3 di bicchiere di olio di mandorle 4 cucchiai di yogurt bianco
  • 4 cucchiai di miele

Preparazione

Mescolate senza sbattere tutti gli ingredienti in un vasetto di vetro.
Una volta ottenuto un composto morbido e omogeneo, versatene qualche cucchiaio in una coppetta e stendetelo con le dita sul viso e sul collo puliti, massaggiando con movimenti morbidi.
Un ambiente caldo e umido, come la stanza da bagno dopo aver fatto la doccia, fa penetrare meglio le sostanze benefiche della maschera.
Lasciate agire per 5-10 minuti e poi rimuovete l’impacco con un panno umido.
Il composto può essere conservato in frigorifero per qualche giorno.

Testo e immagini tratte dal libro Fior fior di idee Sperling & Kupfer

Natural Voice

“Il grande effetto terapeutico della natura è dato dal fatto che il suo è un suono puro, ancora pieno della sua energia vibratoria elementare e in completa risonanza armonica, non ancora inquinato dall’eccessiva presenza umana o tecnologica, capace di ripulire così le nostre orecchie, ma non solo”. Marius Schneider etnomusicologo.

La Natura è fonte di innumerevoli forme di suono che portano il loro messaggio alla nostra attenzione. Suoni che possono diventare musicali; ad esempio il soffio prolungato e melodico del vento o il  ritmo del battito del cuore.  Eppure raramente vi prestiamo davvero attenzione. Nei tempi che oggi viviamo, dominati da ritmi frenetici e dal frastuono assordante, rischiano di renderci emotivamente sordi.

Ogni cosa, animata o inanimata, ha un proprio suono caratteristico che la contraddistingue. Un’infinita quantità di suoni, versi, rumori: i richiami sonori di insetti, mammiferi, animali selvatici, uccelli. La musicalità dell’acqua di una fontana, di una sorgente, di un ruscello, delle onde, della pioggia, del vento che sposta le fronde degli alberi. Micro-suoni che narrano la natura dell’universo a chi sa ascoltare.

Anche la nostra voce, prima ancora che uno strumento di linguaggio, è la vibrazione della nostra condizione interiore.

Perché la voce è un autentico messaggero del nostro benessere perché connessa al corpo, al respiro e all’emozione.

Benessere fisico o mentale?

Benessere fisico o mentale?

L’attività fisica all’aria aperta è la soluzione!

Dopo un’intera giornata passata chiusi all’interno del luogo di lavoro, in molti rabbrividiscono al solo pensiero di doversi recare in palestra. Molti di voi a questo punto staranno già sogghignando, ripensando a tutte le volte che, sull’onda dei buoni propositi della sera, vi sarete portati la borsa della palestra a lavoro ma avrete cambiato idea all’uscita davanti al buio e il freddo delle 17. Con l’avvento della bella stagione, un’alternativa più allettante esiste ed è alla portata di tutti: fare attività fisica all’aria aperta!

Fare sport all’aria aperta ha diversi benefici. Il primo riguarda la diminuzione dello stress. Parto da questo punto perché ritengo che, con i ritmi che oggigiorno ci vengono imposti e la fretta come costante, sapersi prendere del tempo per sé stessi sia tanto più difficile quanto più essenziale. Praticare sport, ancor meglio se in mezzo alla natura, può davvero aiutare a rilassarsi e, stimolando la produzione di endorfine, sostanze chimiche prodotte dal nostro cervello che danno quel senso di euforia e benessere, rivitalizzare l’umore. Inoltre, il sentirsi meno stressati può diventare uno stimolo positivo a continuare l’attività fisica nel tempo.

Restando a contatto con la luce solare stimoliamo poi la produzione della vitamina D, che il nostro corpo trasformerà nella forma attiva, utile per una corretta mineralizzazione delle ossa e dei denti. È infatti indispensabile per la crescita e il rimodellamento osseo. Interviene inoltre nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, regolandone l’assorbimento intestinale. Attenzione però a non esagerare con l’esposizione alla luce solare e non scegliere i momenti più caldi della giornata. Alba e tramonto sono i due momenti consigliati in modo da non andare incontro ad eccessivo calore, elevata sudorazione e conseguente rischio di disidratazione.

Praticare sport all’aria aperta contribuisce anche ad aumentare gli stimoli sensoriali. L’ambiente esterno, con le sue diverse sfaccettature (salite, discese, terreni sconnessi), offre al nostro corpo numerosi stimoli invogliandolo a cercare di adattarsi sempre a situazioni diverse. Inoltre, i luoghi all’aperto in cui decidiamo di fare attività fisica possono diventare una vera e propria palestra usando la nostra creatività. Piegamenti sulle braccia, addominali, squat e affondi sono solo alcuni esempi di quello che si può fare all’aperto utilizzando solo il proprio corpo.

Di seguito, trovate alcune attività sportive che possono essere praticate da tutti all’aperto:

  • Nuoto: piscine all’aperto o acque libere (se optate per il lago o il mare, prestate attenzione e munirvi di una boa in modo da essere visibili alle imbarcazioni ed avere un appiglio in caso di difficoltà);
  • Corsa;
  • Bici da strada o mountain bike (ricordatevi di munirvi di casco, la prudenza non è mai troppa!);
  • Camminata in montagna;
  • Esercizi a corpo libero (ossia svolti solo l’ausilio del proprio corpo, senza attrezzi).

Nei prossimi articoli, vedremo degli esempi di esercizi da praticare all’aria aperta per ognuno dei punti sopracitati.

Anguria rossa o gialle?

Anguria rossa o gialle?

Anguria rossa o gialla?

Anguria rossa o gialla?  La nostra esistenza è connotata già da un buon numero di dubbi amletici, e aggiungerne un altro sembra superfluo. Ma siamo in estate, per di più in un’estate particolarmente calda, e le angurie sono da sempre un rinfrescante e sano alleato delle nostre vacanze. Quindi perché non parlare delle due principali alternative? Pensiamo di conoscere tutto di questo frutto “amico”, ma forse non è davvero così…

In Italia è soprattutto la variante rossa a fare bella mostra di sé sulle nostre tavolate. Eppure l’anguria è molto poco europea, e può essere considerata un frutto esotico, almeno come origini: coltivata in Africa e Asia, fu portata da noi dagli Arabi soltanto nel XII secolo. Ricca di acqua, era un vero e proprio antidoto contro la sete nelle regioni desertiche in cui cresceva, e lo è ancora per esempio nella zona del Kalahari. Talmente vitale e importante per il sostentamento di vaste aree dell’Africa, che nell’antico Egitto un’anguria veniva posta all’interno delle tombe dei Faraoni, in modo che avessero di che nutrirsi e dissetarsi nell’aldilà.

l’anguria fa bene!

Anche se meno vitale per noi, l’anguria fa bene, molto bene. Le vitamine abbondano (A, B6 e C in particolare), e a conferire quella bella tonalità rossa alla sua polpa è il licopene, una sostanza naturale che, tanto per intenderci, colora anche i pomodori, e che ha importanti qualità farmaceutiche, per esempio per la prevenzione del tumore alle ossa o alla prostata.

L’anguria gialla è meno diffusa nel nostro Paese, ma sta lentamente conquistando anche noi. E’ nata in Giappone, in seguito ad un innesto naturale, e per questo è conosciuta anche come “cocomero giapponese”. Ma si coltiva ormai anche qui, in particolare in Sicilia e in Basilicata, e con ottimi esiti: è facile da trovare nelle catene più importanti di supermercati. L’anguria gialla è più piccola di quella rossa, ma possiede una percentuale di acqua ancora maggiore (92-95%: è di fatto il frutto con la maggior quantità di acqua in assoluto) ed è quindi ancora più dissetante e rinfrescante. Non contiene licopene, ma betacarotene e vitamina A, che le conferiscono appunto il colore giallo. E poi magnesio, fosforo, ferro, calcio, potassio: una sanissima combinazione di minerali che rendono l’anguria gialla efficace contro l’invecchiamento e nella cura delle nostre ossa.

Rossa o gialla, l’anguria è sempre gustosa, e merita davvero di farci compagnia in queste giornate estive. Con queste temperature, poi…!

 

Acqua aromatizzata

Acqua aromatizzata

Tempo fa ho partecipato a un evento organizzato da un importante network televisivo: gente elegantissima, personaggi
famosi, telecamere, fotografi, fiumi di champagne, aperitivi sfiziosi, tanti vassoi che passavano sopra le nostre teste…
Eppure la cosa che mi ha colpita di più è stata l’acqua. Ma che servizio, così naturale e glamour!
Sul tavolo delle bevande il catering aveva posizionato dei vasetti con diverse erbe aromatiche, fiori e spezie, tipo menta, basilico, peperoncino, margherite e lavanda.
Quando ho chiesto un bicchiere d’acqua, il cameriere me ne ha preparato uno fissando a un bordo con una mollettina una foglia di menta, versando l’acqua naturale e poi deponendovi sopra una margherita.
La menta era posizionata a regola d’arte in modo che, portando il bicchiere alle labbra, la foglia toccasse quasi impercettibilmente il naso e desse così l’impressione di bere acqua e menta, fresca e dissetante, mentre la margherita, con i suoi colori
delicati, regalava un tocco di leggerezza.
Guardavo la corolla galleggiare leggiadra ed elegante e mi domandavo perché non ci avessi mai pensato. Era un’idea facile ma per nulla scontata, un vero emotional drink. Semplicemente meraviglioso!

Spremute che passione

Spremute che passione

D’accordo: per mantenersi “giovani e belli” c’è chi ricorre agli ultimi ritrovati della scienza e dell’estetica, per la verità non tutti efficacissimi e non tutti sani. Alcune volte sono i prodotti più tradizionali a fornirci l’aiuto migliore.

Le buone “vecchie” spremute, per esempio. Affidabili, salutari e, cosa che non guasta, gustose. Come quella “classica”, l’evergreen delle spremute: il succo d’arancia.

Io non posso iniziare una giornata senza berne un bicchiere.
Quel bicchiere contiene una percentuale di vitamina C pari o addirittura leggermente superiore alla dose ottimale quotidiana di cui ognuno di noi ha bisogno (il 101%).
Il risultato? Tosse, febbre, congestioni nasali vengono arginate. La vitamina C è responsabile della formazione del collagene, la proteina necessaria alla produzione di legamenti, vasi sanguigni, cicatrici, superficie cutanea e tendini. Previene poi i segni precoci dell’invecchiamento, alcuni tipi di cancro, e anche disturbi cardiovascolari.

La spremuta d’arancia ha anche un effetto di “pulizia” all’interno della nostra bocca, evita la secchezza delle fauci ed è un’ottima cura contro la gengivite.

Eliminando le tossine che si accumulano nell’intestino, lo depura, risolvendo per esempio problemi di stitichezza.

Certo, meglio le spremute fatte da voi stessi, magari con un buon spremiagrumi, che quelle acquistate già confezionate. Meglio ancora se si tratta di spremute “fresche”, e non, per esempio, preparate la sera per il giorno dopo.

Attenti anche a non abusare di questo nostro prezioso alleato. Anche se non aggiunto da noi, infatti, in un bicchiere di spremuta d’arancia lo zucchero ovviamente non manca, e anzi è presente in forte quantità (21 grammi circa). Quindi non esageriamo!
Dalla spremuta d’arancia passerò ad una spremuta un po’ più particolare, quella di zenzero… tra qualche giorno!

Il mio benessere notturno ritrovato con Mag Notte

Il mio benessere notturno ritrovato con Mag Notte

Adoro viaggiare, e il programma Melaverde mi porta alla scoperta di luoghi meravigliosi dove la mia amata natura è sempre protagonista, ogni settimana paesaggi diversi, mai uguali, a volte tolgono il respiro per la bellezza.

Arriva sera e terminata la puntata sono cosi stanca che penso subito ad una bella doccia calda e al “lettuccio” per godermi il meritato risposo. Detto così sembra facile, ma essere lontana dalla famiglia, cambiare letto e cuscino rende difficile il mio riposo e a volte addormentarmi diventa un’impresa. Solitamente guardo un film, leggo un libro e le ore passano sapendo che il giorno dopo sarà intenso e lo stress aumenta…

La mia amica Nico mi ha suggerito di utilizzare un prodotto specifico che avrebbe contribuito ad alleviare lo stress oltre ad aiutarmi la sera a “prendere sonno” più velocemente.

Nico ha lo stesso problema per altri motivi, si sveglia la notte e fatica ad addormentarsi; in più lavorando molto con il cellulare pensa bene di mandarmi messaggi la notte, quando invece la prima regola per un buon sonno è quella di non utilizzare smartphone e tablet e di non accendere il televisore perché si sa che la luce interferisce sulla melatonina.

Ho iniziato cosi a prendere Mag Notte a base di Magnesio, Melatonina e Griffonia. All’inizio ero un po’ scettica e pur conoscendo le proprietà del Magnesio e della Melatonina, gli altri ingredienti mi lasciavano perplessa.

Poi ho scoperto che la Griffonia è una pianta tropicale della tradizione africana appartenente alla famiglia delle leguminose e che può essere utile per migliorare l’umore e facilita il sonno. In più è ricca di Triptofano, un ormone che interviene sulla serotonina, che favorisce il rilassamento e il benessere mentale: ovviamente visto il mio spirito Green non potevo non provare…

Da un mese tutte le sere prima di andare a letto prendo una bustina di Mag Notte in un bicchiere d’acqua tiepida: oltre ad avere un buon gusto di agrumi, mi ha davvero aiutato. Il Magnesio mi ha tolto davvero quella stanchezza quasi cronica che mi perseguitava e mi sento più energica; grazie alla Melatonina poi mi addormento con più facilità, e quando mi sveglio decisamente mi sento più in forma…

Ora mi aspetta una giornata intensa, vi abbraccio e come sempre…
DIKKE KUS, Ellen

Nota: Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata e di uno stile di vita sano.

1 2