Agave fiore nobile

Agave fiore nobile

Non capita a tutti i fiori di essere battezzati da Linneo, il botanico svedese che nel ‘700 studiò e classificò la vegetazione conosciuta all’epoca. Questa pianta tenace, sobria, dalla storia importante che riassume in sé almeno tre continenti, evocò nel grande studioso il termine greco “agavos”, che significa proprio nobile, illustre.
Quando Linneo diede all’agave il suo nome, la pianta aveva già una storia. E che Storia!

Per quanto sia per noi oggi familiare, l’agave è sbarcata in Europa in tempi relativamente recenti. Viene infatti da oltreoceano, dall’America, per la precisione dal sud degli Stati Uniti, dal Messico e dai Caraibi. Qui l’agave divenne, nel corso dei millenni, uno degli alleati naturali delle popolazioni indigene. Pensate che la pianta “nobile” veniva usata, tra le altre cose come: alimento (tuttora parti dell’agave compaiono in ricette tipiche della California del sud), bevanda (mescal e tequila sono distillati dell’agave), foraggio per i bovini, come fibra per creare abiti, ceste, tappeti, ornamento, ecc.
Insomma, l’agave era ed è tuttora un elemento importante nella vita quotidiana delle popolazioni di quella regione. Con questa pianta hanno da sempre convissuto e a un certo punto le diedero il soprannome di “century plant”, pianta del secolo, per la sua longevità prima della fioritura.

Dall’America all’Europa – o meglio a quelle zone d’Europa in cui il clima era più favorevole – il passo fu breve, e avvenne, ovviamente, dopo i viaggi di Cristoforo Colombo (che si imbattè in questa pianta esplorando le Bahamas). All’inizio fu la bellezza dell’agave, il suo “look” esotico, a interessare per motivi, quindi, puramente estetici. La rapida riproduzione permise all’agave di diffondersi in tutto il bacino del Mediterraneo – Sicilia compresa, dove appunto è stata scattata la foto che tanto vi ha incuriosito.

L’agave ha numerose proprietà farmaceutiche, è ricca di vitamina B e C, di ferro, fosforo, e calcio, e viene utilizzata per la preparazione di infusi, sciroppi e altri medicamenti.

Insomma, una pianta piena di sorprese… ma anche, semplicemente, una bella pianta.

 

Lascia un commento

Fai il primo commento!

Notifica di
avatar

Ultime dalla Casa

Latte d’asinaImmagina... vivi la Natura Dal Trentino un benessere naturale. Agrilife è un'azienda agricola di Moira Donati immersa nella splendida cornice della Val Lomasona, nel comune di Comano Terme. Agrilife e il loro latte d'asina Il latte d'asina è l'alimento naturale...Leggi di più
QMILK, spiegato da Jessica GiulianiCome promesso eccoci con un nuovo articolo. Oggi vi parlerò del QMILK. Ma che cos’è il QMILK? Il QMILK è l’innovativa fibra tessile ottenuta dagli scarti del latte. Un filato straordinario, particolarmente adatto per il contatto con la pelle: dall’abbigliamento, all’intimo, all’arredo letto....Leggi di più
Moran, il libro di Matilde CalamaiLa scrittrice e conduttrice tv Matilde Calamai è entrata a far parte del mondo Green & Glam, il suo amore per la Natura ci porterà esperienze e contenuti Green. Oggi vi presentiamo il Libro che l'autrice ha scritto spinta dalla passione...Leggi di più
Jessica Giuliani. l’esperta di fashion style Green and GlamMi chiamo Jessica Giuliani e sono l’esperta di Green and Glam Fashion Style. Lavoro nel mondo della moda da 16 anni e condivido la filosofia “noi viviamo green per essere glam”. Oggi vi parlo di tessuti speciali e molto innovativi:...Leggi di più
In inverno bere tanta acquaIn inverno, bere tanta acqua!Le giornate si accorciano, la temperatura si abbassa...  insomma, sta proprio arrivando l’inverno! Anche se questa è la stagione in cui mi pesa di più fare tutto, per ironia della sorte è da sempre il periodo dell’anno in cui lavoro...Leggi di più
Mostra di più